Google in nero.

closeATTENZIONE. Questo post è stato pubblicato più di 6 mesi fa, le informazioni contenute potrebbero non essere più valide e i link non più funzionanti.

Un sito italiano ha creato una pagina di ricerca di Google completamente nera perché,almeno così dicono,le pagine bianche consumerebbero più energia per la visualizzazione.

Paolo Attivissimo smentisce questa notizia o meglio dice che è vero ma solamente per i monitor a tubo catodico che,stando ad alcune statistiche,sarebbero nettamente in minoranza,ormai, rispetto ai monitor piatti,sarà vero?!?!

Comunque è bello 😎

Nerogoogle

Notizia trovata sul blog: Tuxiano dove trovate un interessante approfondimento

11 thoughts on “Google in nero.”

  1. In verita’ credo sia un pesce d’aprile fuori stagione! Ho sentito che ne parlavano su un podcast,forse “Dispenser”. Silvia ho postato una notizia sul blog che forse ti interessa.Parlo della situazione italiana delle reti Wi non solo WiFi quindi.
    Mi sta’ a cuore che molti la leggano per sapere come stanno le cose.
    Se non ti interessa ho fatto solo spam e mi picchio da solo! 🙂
    Fammi sapere cosi’ in caso prendo la frusta!per la penitenza.

  2. Viste le numerose richieste di precisazione che la nostra iniziativa ha sollevato, cerchiamo di estendere le risposte per eliminare ogni perplessità a proposito del progetto NEROOOGLE.

    http://www.nerooogle.com/faq.php

    Ovviamente, al tempo stesso ringraziamo i nostri altrettanto numerosi sostenitori, che ci hanno supportato fin dal primo momento, credendo come noi, che non sarà una piccola iniziativa locale a salvare il mondo, ma che da qualche parte bisogna pur cominciare.

    In ogni caso, grazie a nome dello staff di NEROOGLE per la citazione. Buon lavoro.

  3. Grazie infinite,concordo pienamente col fatto che le piccole iniziative siano estremamente importanti e corro a leggere le F.A.Q.
    Complimenti ancora per l’impegno e l’iniziativa 🙂

  4. …a mbhè stavolta non sono io ! Ho appena cambiato dominio, proprio non ci vorrebbe che i tizi antispam si rimettessero a far danni coi loro filtri sbagliati 😉

Lascia un commento